Pinin Carpi, Nel bosco del mistero. Per la festa del papà

Pinin Carpi, Nel bosco del mistero, Einaudi Ragazzi, pag.115
Poesie, cantilene e ballate per i bambini

Nel bosco del mistero
Pinin Carpi, Nel bosco del mistero

Non lasciatevi fuorviare dal sottotitolo, il libro di Pinin Carpi “Nel bosco del mistero”, Einaudi Ragazzi, è un libro bellissimo anche per i grandi, uno di quei libri che si possono leggere  a qualsiasi età, l’editore lo suggerisce dai 4 anni. Vero, i bambini ci troveranno i giochi, i maghi, le streghe e l’allegria un po’ estiva dei giorni di vacanza, e noi grandi, la visione di un padre amoroso e verità sottese a cieli e boschi, uniti all’immagine di luoghi in cui sembra esser già stati.

Ed ecco una delle ballate.
Per tutti, proprio tutti, i papà

I guerrieri sul monte nero

Su un monte nero c’era uno squadrone
di guerrieri dagli occhi luccicanti.
Avevano piume gialle, alti cimieri,
lance, scudi e corazze insanguinate.
C’era la notte, il buio era pesante
e cantavano canzonacce da soldati.
Aspettavano l’alba del mattino
per lanciarsi in un galoppo furibondo
fino a un lago bianco e celestino
dove i bambini facevano il girotondo.

Nel prato chiaro cantavano i bambini.
Sul monte nero cantavano i guerrieri.
C’era l’alba e i guerrieri giù al galoppo
con elmi, lance, scudi e urla e scoppi.
E i bambini vedendoli arrivare
tutti insieme si misero a gridare
e gridare e gridare:-Ciao papà!
Ciao! Finalmente sei tornato qua!
Ciao papà bello! Caro il mio papà!

E i guerrieri saltando dai cavalli
buttavano via corazze, scudi, lance
e gli elmi neri con le piume gialle
e abbracciavano i loro bei bambini
e davano baci e baci e poi piangevano
come i bambini di felicità.

Tornavano da una guerra sanguinosa,
sfiniti, cupi, sporchi, disperati.
Ma adesso in braccio avevano i bambini
per tanti mesi li avevano sognati.
E ognuno tra le lacrime diceva:
– Bambino mio mai più, mai più, ti giuro,
me ne andrò via di qua per far la guerra.
Resterò sempre qui col mio bambino
a giocare e cantare in allegria,
nel mio paese, sempre qui, vicino,
nella mia casa e non andrò più via.

Pinin Carpi, I guerrieri sul monte nero

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.