How far is it to Bethlehem? di Frances Chesterton. Buon Natale

Una poesia per augurare a tutti voi un Buon Natale, How far is it to Bethlehem di Frances Chesterton. Sì, anche la moglie del nostro cavaliere preferito, Gilbert, scriveva.

Tutti i natali, Frances e Gilbert mettevano in scena testi teatrali e carole per i bambini di Beaconsfield, se volete saperne di più leggete qui nel blog dell’Uomo Vivo,

Oh mi sembra di vederli mentre si travestono, recitano e cantano, un po’ come si fa nelle nostre case quando le grandi famiglie si ritrovano, e poi si danno doni a tutti. Questa poesia di Frances in Inghilterra è diventata una famosa Christmas Carol. Qui sotto la propongo in una versione che mi piace tanto, della American Chesterton Society, un po’ casalinga, con video e foto di Gilbert e della moglie Frances. E con le parole belle e bambine di questa poesia auguriamo un Buon Natale a tutti, e ci ritroviamo nell’anno nuovo. Non è molto distante Betlemme.

How far is it to Bethlehem?  

How far is it to Bethlehem?

Not very far.

Shall we find the stable room

Lit by a star?

 

Can we see the little child,

Is he within?

If we lift the wooden latch

May we go in?

 

May we stroke the creatures there,

Ox, ass, or sheep?

May we peep like them and see

Jesus asleep?

 

If we touch his tiny hand

Will he awake?

Will he know we’ve come so far

Just for his sake?

 

Great kings have precious gifts,

And we have naught,

Little smiles and little tears

Are all we brought.

 

For all weary children

Mary must weep.

Here, on his bed of straw

Sleep, children, sleep.

 

God in his mother’s arms,

Babes in the byre,

Sleep, as they sleep who find

Their heart’s desire.

 

Quanto dista Betlemme?

Traduzione di Elena Rocca

 

Quanto dista Betlemme?

Non è molto distante.

Troveremo laggiù la stalla

Illuminata da una stella?

 

Possiam vedere il Bambinello?

E’ lì dentro a riposare?

Se alziamo il ligneo chiavistello

E’ permesso, si può entrare?

 

Possiamo accarezzare le creature là nel mezzo

La pecora, il bue e l’asinello?

Possiamo come loro sbirciare per vedere

Gesù Bambino addormentato?

 

Se tocchiamo la Sua minuscola mano

Egli forse si sveglierà?

Solo per amor Suo veniamo da molto lontano

Egli questo lo saprà?

 

Grandi re hanno doni preziosi,

E noi nulla abbiamo,

Solo piccoli sorrisi e semplici lacrime

Ecco tutto ciò che portiamo.

 

Deve piangere Maria

Per tutti i bimbi stanchi.

Venite qui tutti, sul Suo letto di paglia

E dormite, o bambini, dormite.

 

Tutti riposano, Gesù tra le braccia della mamma

Ed i bimbi nella stalla.

Tutti riposano, come dormono coloro che han trovato

Ciò che il Cuore ha tanto Desiderato.

 

 

Annunci

Informazioni su mammaoca

raccontastorie, mamma di sei figli. What else?
Questa voce è stata pubblicata in Ho scritto una storia, Profumo di contento, Quasi il Paradiso e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...