Cinque in un baccello, di H.C. Andersen

Cinque in un baccello, di Hans Christian Andersen

Quale fiaba leggere, sdraiati nel lettone, stretti sotto il piumone, che fa freddo, una mamma e tre fratelli piccolini, anzi quattro perché la grande di sei anni vuole sentire una storia anche lei?

Beh è naturale “Cinque in un baccello” di Hans Christian Andersen.

E dato che Andersen poteva far nascere storie e magie da tutto, ecco che qui ci racconta la storia di cinque piselli che se ne vanno nel vasto mondo e con loro andiamo anche noi partecipando del loro destino e alla fine sapremo di più sulla natura delle cose, delle persone e dei piselli, ma anche di fede e speranza. Continua a leggere

Annunci
Pubblicato in Fiaba | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

#5libri imprescindibili per la maestra Emma

#5libri imprescindibili per la maestra Emma, più uno (o tanti?)

Continua la ricerca dei libri letti in classe dalle maestre, quelli che sono proprio imprescindibili, quelli che

Dimmi 5 libri, uno per ogni classe dalla I alla V, che la maestrina Lalla dovrebbe avere e leggere in classe e perché”.

Anche se questa ricerca si è allargata anche ai libri per la scuola materna, oggi, con la maestra Emma, torniamo nelle classi elementari. Continua a leggere

Pubblicato in #5libri, Libri | Contrassegnato , , , , , , , , | Lascia un commento

I libri che raccontano la vita dei santi ai bambini

I libri che raccontano la vita dei santi ai bambini. Difficile trovarli tra quelli per grandi, senza cadere nel cliché del “santino”, stile bello, bravo, buono e moralizzatore e ovviamente inavvicinabile all’uomo che siamo tutti noi, immaginatevi i libri sui santi scritti per i bambini, di peggio ci sono solo quelli natalizi su Gesù Bambino.

La buona notizia è che bei libri ci sono, sia per grandi che per bambini, e in questo              1 novembre, festa di Tutti Santi ve ne propongo alcuni. Continua a leggere

Pubblicato in Libri, Quasi il Paradiso | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

#5libri illustrati dai 3 ai 5 anni

#5libri illustrati per bambini dai 3 ai 5 anni,

anche se, diciamolo subito,

i bei libri illustrati per bambini non hanno età

#5libri letti e riletti a chi non sapeva ancora leggere

di Raffaella

I libri illustrati per bambini non hanno età, piacciono a me e piacciono ai miei figli fin da quando sono divenuti alti abbastanza per vederli sul bancone del mercatino di Natale a scuola. Continua a leggere

Pubblicato in #5libri | Contrassegnato , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Il lupo di Gubbio, in Fioretti di san Francesco. 4 ottobre

Il 4 ottobre è san Francesco, il santo patrono d’Italia.

Vi propongo la trascrizione dai Fioretti del miracolo forse più noto del santo di Assisi, la conversione del ferocissimo lupo di Gubbio, una bellissima storia da raccontare ai bambini.

 

Avevo già pubblicato di san Francesco il Cantico delle Creature, parlando nello stesso
post del libro illustrato ad intaglio Brother Sun, Sister Moon, di K.Paterson e P.Dalton,
mai tradotto in italiano ma veramente adatto per bellezza e sapienza a quella che rimane la prima e una delle più belle poesie italiane.

Vi propongo la trascrizione originale, per i bambini e i grandi amanti dell’uso e degli esordi dell’italiano, e una “traduzione” nella nostra lingua corrente. Continua a leggere

Pubblicato in Libri, Profumo di contento, Quasi il Paradiso, racconti | Contrassegnato , , , , , , , | Lascia un commento

#10righe più una. “La banda delle quattro strade” di Mario Schiani

#10righe più una de La banda delle quattro strade di Mario Schiani, Salani editore. Un bellissimo libro sul tempo libero estivo, creativo e magnifico, le vacanze in campagna di un bambino, un altro classico libro per l’estate.

la banda delle quattro strade

Mi spiace proporvelo solo ora, mi era stato segnalato dalla maestra Laura, nella lista dei libri che non devono mancare alle elementari. Secondo la prof. Grazia, che ha appena finito di leggerlo è perfetto come libro da leggere nell’estate tra la V elementare e la I media, (sapete che io non riesco a suddividere più di tanto i libri per età, per me va bene da quando uno sa leggere bene in poi)… comunque, care maestre, tenetene conto per le prossime vacanze estive, ne vale veramente la pena. Continua a leggere

Pubblicato in #10righe, Libri | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

Maria Chisjnera. Maria Cenerentola. Fiabe e leggende della Sardegna

Maria Chisjnera. Maria Cenerentola in “Sos contos de foghile.” I racconti del focolare. Fiabe e leggende della Sardegna, di Francesco Enna

fiaba logudorese del Meilogu

sos contos de foghile

Per omaggiare la terra che mi ospita in questo momento, ecco una tra le più di 50 versioni della fiaba di Cenerentola, che esistono solo in Sardegna. Una fiaba che, come le altre raccolte nel libro “Sos contos de foghile”, è stata raccontata intorno al focolare e tramandata e poi trascritta.

Questa versione di Cenerentola è sicuramente la mia preferita per due principali motivi,

  •  una contaminazione, ben riuscita, con la fiaba La Bella e la Bestia, le fa “rubare” un’azione, con una trovata da sorpresa finale. Non posso svelarvela ma sappiate che c’entra con la gentilezza.
  • un’ azione, una piccola azione, ripetuta ben due volte, con cui Maria Chisjnera si vendica delle sorellastre di tutte le Cenerentole presenti al mondo. Una piccola azione gratuita, piccola e senza conseguenze per nessuno, neppure per la fiaba, “uno schiaffo per un garofano…uno schiaffo per una rosa”. E non poteva che essere una Cenerentola sarda a vendicare con leggerezza e ironia tutte le Cenerentole del mondo.

Continua a leggere

Pubblicato in Fiaba | Contrassegnato , , , , , , , , , , | Lascia un commento

#10righe più una. Astrid Lindgren, Vacanze all’Isola dei Gabbiani

#10righe di Vacanze all’Isola dei Gabbiani, di Astrid Lindgren.

vacanze all'isola dei gabbianiE’ il libro perfetto per esordire con queste righe di libri fatti apposta per l’estate.

Il più classico dei classici dei libri per l’estate, quello che tutti dicono “l’ho letto da bambino in vacanza”, il preferito del Giò (insieme a Le avventure di Jim Bottone di M.Ende), che quando lo lesse si fermò 10 pagine prima della fine, dicendo che non poteva finirlo assolutamente, non poteva lasciare le avventure della famiglia Melkerson, e che se avesse potuto conoscere Pelle, Melina, Johan e Niklas, e anche Nostromo, sarebbe stato il bambino più felice del mondo.

Un padre, quattro figli e un’estate, in una casa rossa su un’isola svedese, che cambia loro la vita. Dove anche la casa rossa e l’isola fanno la loro parte.

 

Tra i #5libri scelti dalla prof. Raffaela come preferito per la scuola elementare. Ne parla qui.

…e le apparve per la prima volta l’Isola dei Gabbiani. L’incontro fu così registrato sul diario:

Karin, Karin, ma dove sei stata finora? Quest’isola era qui ad attenderti, calma e silenziosa all’estremo limite dell’arcipelago, con le sue piccole darsene e l’antica strada che taglia il villaggio, e i vecchi pontili, e le barche da pesca…Così bella da strapparti il cuore, e tu non la conoscevi neppure! Non è terribile?

Che cosa avrà pensato Dio nel creare quest’isola? ‘Voglio fare una mistura speciale’ – ecco che cosa avrà pensato – ‘Voglio che sia brulla nei tanti piccoli scogli grigi e scabrosi; ma voglio che sia anche verdeggiante di querce e betulle, prati e cespugli in fiore: sì, perché voglio che trabocchi di roselline di macchia e folti e candidi biancospini in attesa di quel giorno di giugno, quando, fra milioni di anni, vi approderà Karin Melkerson’.

Sì, Johan e Niklas, so benissimo cosa state pensando, se state leggendo di nascosto queste parole. State pensando: ‘Come si fa ad essere così presuntuosi?’ E invece no, non sono presuntuosa: sono solo tanto felice; sì, perché al Buon Dio è venuto in mente di creare l’Isola dei Gabbiani proprio così com’è e in nessun altro modo, e di posarla come un gioiello ai margini dell’arcipelago, dove ha potuto starsene in pace e conservarsi praticamente come Lui l’aveva pensata.

E perché io ho avuto la fortuna di venirci!

«Saranno tutti sul molo a guardarci arrivare» aveva detto Melkerson. «Faremo sensazione!».

Ma non fu esattamente così. Quando il vaporetto approdò, stava piovendo a dirotto, e sul molo c’erano solo una personcina e un cane. La personcina era di sesso femminile, di età intorno ai sette anni, e se ne stava lì immobile, come spuntata dal molo stesso. Forse Dio l’ha creata insieme all’isola, pensò Karin, e l’ha posta qui come sua signora e custode per i secoli eterni”

Se non avete mai sperimentato quel che descrive così bene Karin, quella sensazione a mezzo tra la meraviglia e la gratitudine perché quel luogo, quella roccia, quell’acqua, quel fiore sembra siano stati creati all’inizio del mondo e dei tempi per te, proprio per te, per farsi vedere da te, beh non avete ancora trovato il posto sulla terra che più si avvicina alla vostra idea di Paradiso.

Vignola

no filter solo iphone e trinità

No filtri. Solo tramonto infuocato a Trinità e iphone

capo testa

E perché io ho avuto la fortuna di venirci!

…e perché io ho avuto la fortuna di venirci!

 

Pubblicato in #10righe, Libri, Profumo di contento, Quasi il Paradiso | Contrassegnato , , , , , , | 2 commenti

Spruzzi e capricci col papà o il braccialetto del club dei sei anni?

La scelta di un papà se iscrivere la figlia al club dei bambini o continuare a giocare con lei.

Rileggendo alcuni degli articoli scritti in quasi vent’anni di rubrica di MammaOca su Tempi, mi sono accorta che alcune di quelle parole “ci stanno” direbbe il mio Giò ormai diciassettenne, sono più che attuali e qualche volta, qualche fatto di quelli narrati, ancora capita. Per questo ve li ripropongo. #scrittoieri 

Periodo estivo, vacanziero o della libertà

Nella quasi totale improbabilità delle statistiche e di ciò che si vede sulle spiagge, dove la maggior parte dei vacanzieri settimanali ha un braccialetto che lo identifica appartenente a un certo hotel o villaggio o club di bambini, adolescenti o ragazzi, quel papà ci ha ripensato ed era il 2007.

Anche oggi potrei forse rivedere quella scena improbabile e meravigliosa?

L’impossibilità di rinunciare ai capricci di una figlia al mare

I bambini sono una ventina, hanno tutti un braccialetto di riconoscimento, sono “il club tra i sei e i dieci anni”. Gli animatori sono simpatici e si fanno obbedire, stanno giocando a caccia al tesoro e sembra si divertano, il pensierino di mollargli i figli ti viene spontaneo. Il papà poco più in là sembra la pensi allo stesso modo, li osserva da un po’, parla con uno degli animatori, cosa fate, dove andate, li guarda ancora, sembrano a posto, guarda la figlia, il pensiero galoppa, non c’è nessun problema, mica sono di quelli che “la mollo al mattino e la rivedo alla sera”, solo qualche ora, potrei riposarmi, nuotare, leggere, mangiare tranquillamente con sua madre, mi eviterei un sacco di piagnistei e capricci, veramente anche i sorrisi e le risate e quel disegno speciale non lo farebbe a me ma all’animatore. Lo sguardo cambia, niente da fare, anche per quest’anno niente braccialetto, forse il prossimo, e si mette a correre sulla spiaggia con la bambina, a spruzzarsi e a ridere con lei senza nessuna dignità.

Scritto da MammaOca per Tempi il 5 luglio 2007

Pubblicato in Rubrica MammaOca, Sì Viaggiare | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

26 maggio 1432, apparizione a Giannetta della Madonna di Caravaggio. E oggi?

26 maggio 1432. Appare alla Giannetta, che siamo tutte noi, la Madonna di Caravaggio. 

Caravaggio 1Caravaggio 4

Contro tutti i condizionali e periodi ipotetici dello scetticismo

  • Sarebbe avvenuta l’apparizione..
  • Si dice che sarebbe apparsa….
  • I cristiani dicono che….

è avvenuto un Fatto straordinario e meraviglioso che porta ogni anno, ogni domenica, ogni giorno, migliaia di persone al suo cospetto nel bellissimo Santuario di Caravaggio. Faro che ancor oggi splende luminoso nella notte più buia. Per tutti noi, da sempre e per sempre pellegrini. Una storia bellissima da raccontare.

caravaggio 2Caravaggio 3

 

Pubblicato in Ho scritto una storia, Profumo di contento, Quasi il Paradiso | Contrassegnato , , | Lascia un commento