#10righe di Le Cronache di Narnia, di C.S.Lewis. Aslan risorge

#10righe più “una”, da Il leone, la strega e l’armadio, in Le Cronache di Narnia, di Clive S. Lewis. Aslan risorge. Uno dei libri (composto da 7 titoli) che non deve assolutamente mancare nelle librerie dei nostri bambini. Una bellissima idea, in questi giorni così particolari, è quella di leggerlo insieme a loro, ne vale la pena, anche per noi che potremo rituffarci tra le fresche acque di una fiaba che per bellezza, invenzioni, natura e incanto, ridesta, con lievità e profondo potere di immedesimazione, lo sguardo verso il senso della vita. 

9780060234812

La storia de Le Cronache di Narnia è conosciuta da tanti, soprattutto dopo l’uscita di tre film sui primi dei sette libri. Per raccontarla in breve, è la storia di  un gruppo di bambini che, dal mondo reale passa attraverso oggetti comuni del vivere nostro quotidiano, armadi, quadri, metropolitane e muri, nel fantastico mondo di Narnia, governato dal grande leone Aslan. Qui vivranno moltissime avventure, raccontate appunto nei sette libri. Avevo già parlato del primo di questi libri, Il nipote del Mago, meglio, avevo introdotto le 10 righe che descrivono come avvenne la nascita di Narnia
Le righe che seguono sono tratte dal secondo libro, Il leone, la strega e l’armadio.
E questa che vi introduco è una pagina bella come le leggende legate alla Pasqua che rimarranno per sempre, commuove e, allo stesso tempo, rende contenti. Lo dico perché la similitudine tra la morte e resurrezione di Gesù e quella del leone Aslan è molto evidente. Lo stesso C.S. Lewis, autore delle Cronache aveva parlato dell’allegoria tra Aslan e Cristo a una sua piccola amica che glielo aveva chiesto, e in tante altre lettere ricevute da ammiratori del suo libro, e questa simpatica risposta non lascia dubbi:
“Riguardo all’altro nome di Aslan, vorrei davvero che fossi tu ad indovinare. C’è mai stato qualcuno in questo nostro mondo che: 1) giunse nello stesso periodo di Babbo Natale; 2) disse di essere il figlio del Grande Imperatore; 3) per la colpa di qualcun altro diede se stesso a degli uomini cattivi che lo derisero e lo uccisero; 4) tornò in vita; 5) viene alle volte chiamato l’Agnello (vedi la conclusione del Veliero)? Davvero non sai il Suo nome in questo mondo? Pensaci su e fammi sapere la tua risposta!”

Susan e Lucy stavano ancora accucciate tra i cespugli, con le mani sul viso, quando sentirono la Strega Bianca gridare:
“Forza, seguitemi! Sistemeremo una volta per tutte li strascichi di questa guerra. Non ci vorrà molto a schiacciare quei traditori e i luridi esseri umani. Ormai il gattone è morto.

Fu allora che, per qualche istante, le due bambine corsero un serio pericolo. La vile marmaglia si lanciò giù per la collina, passando proprio davanti al nascondiglio di Susan e Lucy e riempì l’aria di grida selvagge, del suono stridulo delle trombe e di quello più cupo dei corni. Susan e Lucy sentivano il terreno rimbombare sotto il galoppo furioso dei minotauri. Sentirono il soffio gelido degli spettri e, sopra le teste, il turbinio delle orribili ali nere degli avvoltoi e dei pipistrelli giganti. In un’altra occasione avrebbero tremato d’orrore e di paura, ma in quel momento il loro cuore era così pieno di angoscia per l’infame assassinio di Aslan che non ci pensarono affatto. Appena il bosco fu tornato silenzioso, le due sorelle uscirono dai cespugli e si inoltrarono nel grande prato in cima alla collina. La luna ormai tramontava ed era velata da nuvole leggere, ma Susan e Lucy riuscivano ancora a vedere la forma del leone che giaceva morto, strettamente avvinto nei legami. Si inginocchiarono vicino a lui, sull’erba umida, baciarono e ribaciarono la testa fredda, accarezzarono quel poco che rimaneva della bella criniera e piansero finché ebbero lacrime. Poi si guardarono in faccia e stringendosi le mani, al colmo della malinconia, piansero ancora.

Alla fine, quando si calmarono un poco, Lucy disse:
“Non posso sopportare la vista di quella specie di museruola. E se provassimo a toglierla? Provarono. Pur con gran fatica perché avevano le dita gelate, essendo quella l’ora più fredda della notte, ci riuscirono. Quando videro il muso di Aslan libero dai lacci scoppiarono di nuovo a piangere e ripresero a baciarlo e accarezzarlo, ed erano più disperate di quanto potrei dire.
“E se provassimo a slegarlo completamente?” propose nuovamente Susan? Ma i nemici di Aslan, per pura cattiveria, avevano stretto i nodi in modo tale che le due ragazzine non riuscirono a fare niente.

Spero che nessuno di quelli che leggeranno il libro sia mai stato infelice come Susan e Lucy quella notte. Ma chiunque abbia avuto un dolore così grande da piangerci fino a non avere più lacrime, sa bene che a un certo momento si arriva a una specie di tranquilla malinconia, una sorta di calma, quasi la certezza che non succederà più nulla. In ogni modo fu questo che capitò alle due bambine. Stavano tranquille, senza neppure accorgersi che l’aria andava facendosi sempre più fresca, e alla fine Lucy notò due cose: che a est della collina il cielo era un po’ meno buio e che qualcosa si muoveva sull’erba ai loro piedi. In un primo momento non se ne curò più di tanto (non le importava più niente, ormai), poi si rese conto che il qualcosa in movimento si era trasferito sulla Tavola di Pietra e, qualsiasi cosa fosse, si muoveva lungo il corpo di Aslan.

Si avvicinò per vedere meglio e scorse tante piccole forme grigie.
“Oh, che orrore!” gridò Susan dall’altra parte della tavola. “Questi brutti topolini gli camminano addosso. Via, via, bestiacce” e alzò una mano per farli scappare.
“Aspetta” gridò Lucy che aveva guardato più attentamente. “Non vedi cosa fanno?” Susan si chino a osservare meglio.
“Che strano” mormorò.” Sembra che stiano rosicchiando le corde.
“Sembra anche a me” confermò Lucy” Sono animaletti gentili. Forse non hanno capito che Aslan è morto e credono di far bene. Questi topolini vogliono liberarlo. Adesso il cielo era veramente più chiaro. Le due sorelle si guardarono in faccia e si accorsero di essere molto pallide. Poi tornarono a guardare i topolini: dozzine e dozzine, forse un centinaio, che si davano un gran daffare con i denti. Alla fine ebbero partita vinta.

A oriente il cielo sbiancava. Le stelle erano scomparse tutte, tranne una, grandissima, che brillava fulgida all’orizzonte. Susan e Lucy rabbrividirono all’aria fresca del mattino. I topolini se ne andarono via. Susan e Lucy tolsero i resti delle corde rosicchiate dal corpo di Aslan e rimasero a contemplare il leone: ora somigliava molto di più a quello che era stato, e via via che la luce si faceva più forte Aslan sembrava riprendere la sua antica espressione di calma e maestosità. Nel bosco alle loro spalle un uccellino fece sentire il suo cinguettio soffocato. Fino a quel momento il silenzio era stato così completo che Susan e Lucy quasi sobbalzarono di spavento, sentendo quel dolce suono. Poi un altro uccello rispose al primo, da più lontano, e un altro ancora. Dopo pochi istanti l’aria echeggiava di mille voci canore. Ormai l’alba aveva preso il posto della notte.
“Ho un gran freddo” disse Lucy
“Anch’io” concordò Susan. “Camminiamo un poco”. Si mossero lentamente e arrivarono fino all’orlo del crinale della collina, a est. Anche la grande stella che brillava a oriente era quasi scomparsa. Il paesaggio appariva di color grigio scuro, ma in lontananza c’era una striscia più chiara: il mare. E pian piano il cielo diventava di un rosa sempre più intenso. Le due sorelle continuarono a camminare avanti e indietro, dall’orlo della collina al corpo di Aslan e viceversa, innumerevoli volte: cercavano di scaldarsi un poco. Si erano fermate a contemplare per un momento il mare e il castello di Cair Paravel, quando la striscia rosa che tingeva l’orizzonte diventò color dell’oro e dove mare e cielo si incontravano apparve il bordo del disco solare.

Fu allora, mentre spuntava il sole, che sentirono dietro di sé un rumore fortissimo, il fragore assordante di un lastrone gigantesco che si spacca.
“Cos’è stato?” chiese Lucy afferrando intimorita il braccio di Susan.
“Ho… ho… paura a voltarmi” rispose Susan, balbettando. “Dev’essere successo qualcosa di terribile.
“A lui? Gli stanno facendo qualcosa di peggio?” chiese Lucy “Andiamo a vedere” e si voltò di scatto trascinando con sé anche Susan. Nella luce del sole nascente tutto sembrava diverso: i colori e le ombre erano mutati a tal punto che in un primo momento non videro la cosa più importante. Poi, sì: la grande Tavola di Pietra si era rotta in due pezzi, lungo una fessura trasversale che andava da parte a parte. E il corpo di Aslan non c’era più.
“Oh, no!” gridarono in coro Susan e Lucy. Corsero verso la grande tavola.
“È terribile” esclamò Lucy rimettendosi a singhiozzare.
“Potevano almeno lasciarci il suo corpo. Chi ha fatto una cosa simile?” si chiese Susan, piangendo anche lei. “Cosa significa? C’è un’altra magia?
“Sí “ rispose una voce profonda alle loro spalle. C’è un’altra magia. Le due bambine si guardarono intorno. Là, splendido nella luce del sole nascente, c’era Aslan. Più grande di come lo avevano visto prima, più nobile, più maestoso. Scuoteva la criniera.
“Aslan!” esclamarono entrambe, fissandolo impaurite e contente al tempo stesso.
“Allora non eri morto, caro Aslan?” chiese Lucy
“Non sono più morto” rispose il leone
“Non sei… non sei un…” domandò Susan con voce tremante. Non sapeva decidersi a dire la parola fantasma. Aslan si avvicinò, piego un poco la testa e le diede una leccatina sulla fronte. Susan senti il calore del suo fiato e quella specie di profumo che sembrava diffuso intorno a lui.
“Ti sembro un fantasma?” chiese Aslan
“Oh, no. Sei vivo, sei vivo!” grido Lucy; e tutt’e due si lanciarono verso di lui, ripresero ad abbracciarlo, accarezzarlo e coprirlo di baci
“Ma cosa significa?” chiese Susan, quando si furono un po’ calmate.
Aslan rispose:
“Significa che la Strega Bianca conosce la Grande Magia, ma ce n’è un’altra più grande che non conosce. Le sue nozioni risalgono all’alba dei tempi: ma se potesse penetrare nelle tenebre profonde e nell’assoluta immobilità che erano prima del tempo, vedrebbe che c’è una magia più grande, un incantesimo diverso. E saprebbe che, quando al posto di un traditore viene immolata una Vittima innocente e volontaria, la Tavola di Pietra si spezza e al sorgere del sole la morte stessa torna indietro.
“ Oh, è meraviglioso” esclamò Lucy battendo le mani e saltando dalla gioia. “E ora come ti senti, Aslan?” “Sento che mi tornano le forze e, bambine mie, prendetemi se vi riesce!” Così dicendo Aslan le fissava con i grandi occhi lucenti, il corpo percorso da un fremito, e si frustava i fianchi con la lunga coda. Restò così per qualche attimo ancora, poi spiccò un balzo e atterrò dall’altra parte della Tavola di Pietra, oltre le teste di Susan e Lucy. Lucy scoppiò a ridere senza un vero perché e fece l’atto di acchiappare il leone. Aslan saltò di nuovo e la caccia cominciò.

Lui correva intorno al grande prato sulla sommità della collina, ora lasciandosi avvicinare al punto che le ragazze quasi potevano toccargli la coda, ora sgusciando via lontano; ripiombava tra loro con una specie di gran tuffo, le ghermiva con le grosse zampe vellutate, le lanciava in aria per riprenderle al volo. Si fermò inaspettatamente e le piccole gli furono addosso, poi tutti e tre rotolarono sull’ erbetta in una gran confusione di criniera, capelli, braccia, gambe e zampe. Fu un gioco chiassoso e felice, come si può fare solo nel paese di Narnia, e Lucy non capiva bene se stesse giocando con il grande Aslan dalla voce di tuono o con un affettuoso micione. E la cosa più strana fu che quando si trovarono stesi sul prato, ansanti e allegri tutti e tre, le ragazzine non sentirono più la minima stanchezza, né fame né sete.
“E ora occupiamoci di cose serie” disse infine Aslan. “Tappatevi le orecchie, bambine, perché sento che devo fare un gran ruggito”.

 

aslan-risorge-2

Utile

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.